Il lavoro negli USA e in particolare la ricerca di lavoro passa ormai quasi esclusivamente attraverso Internet. Le aziende e le agenzie di collocamento americane pubblicano le posizioni disponibili all’interno di siti dedicati come ad esempio monster.com e indeed.com e attendono che i candidati le contattino via posta elettronica oppure depositando il proprio curriculum all’interno di moduli per la raccolta dati online.

Internet ha persino superato in termini d’importanza le conoscenze personali. Anzi potremmo dire che anche le conoscenze personali ormai si sviluppano prevalentemente online. Il nostro è diventato un mondo interconnesso dove tutti si aspettano di trovare ongi genere d’informazione a portata di mouse.

Facciamo amicizia via Internet, coltiviamo un amore via Internet, ci divertiamo via Internet e lavoriamo via Internet. E’ quindi normale che una fase chiave nella vita di chiunque, come la ricerca di un posto di lavoro, passasse attraverso la tastiera del nostro computer oppure lo schermo del nostro telefonino.

Il curriculum diventa elettronico

Ciascuno di noi dà visibilità al proprio curriculum professionale usando siti di social media come LinkedIn oppure un veicolo più semplice e diretto come la posta elettronica. Coltiviamo contatti via Facebook o Instagram e ci facciamo conoscere magari attraverso un blog personale.

Il web e la posta elettronica sono poi l’unico mezzo di comunicazione possibile se cerchiamo un lavoro all’estero. Chiunque si trovi in Italia o in qualsiasi altro Paese del mondo e voglia trasferirsi negli USA, deve necessariamente usare questi strumenti.

La legge d’immigrazione statunitense infatti proibisce a un semplice visitatore turistico di andare in giro alla ricerca di un impiego mentre si trova su territorio americano. E in ogni caso è davvero molto difficile trovare un’azienda statunitense che sia disponibile a fare colloquio con uno straniero che già non conosce attraverso canali meno diretti.

La soluzione ottimale è infatti di aver già stabilito contatti magari anche di collaborazione con l’azienda oppure di aver creato rapporti di amicizia a distanza con il suo titolare o con altre persone influenti al suo interno.

Nel caso di uno straniero, molto probabilmente la prima intervista sarà fatta al telefono, via Skype oppure WhatsApp. Solo dopo aver superato le prime due fasi della selezione: la lettura del curriculum e la prima intervista esploratrice, sarà possibile fissare un colloquio di persona.

Persino prima dell’incontro di persona, le informazioni disponibili online sul nostro conto avranno un’importanza determinante. Nel video abbinato a questo articolo vediamo più in dettaglio il ruolo giocato da Internet nella ricerca di lavoro negi Stati Uniti.